Pubblicita'
www.cellularitalia.com
      www.cellularitalia.com  Segui CellularItalia su Twitter Segui CellularItalia su Facebook 

Wind acquisisce il ramo d'azienda di Blu
Si rafforzano posizione di mercato e potenziale di redditività

Roma, 8 ottobre 2002 - WIND ha firmato, nell'ambito dell'operazione di break up di Blu SpA, il contratto di trasferimento di un ramo dell'Azienda composto dall'intera base clienti, dal marchio, da una parte dei dipendenti, da circa 260 Stazioni Radio Base (BTS), da 6 negozi di proprietà e dal call center di Palermo.
Secondo i termini dell'operazione, si prevede inoltre che il Ministero delle Comunicazioni procederà ad una assegnazione in blocchi da 5 MHz delle frequenze attualmente utilizzate da Blu alle aziende partecipanti al processo di break up.
L'accordo è stato posto al vaglio delle Autorità competenti ed ha recentemente ottenuto le necessarie autorizzazioni anche da parte della Comunità Europea.
Wind si conferma ancora una volta come protagonista nel mercato italiano delle telecomunicazioni. Anche grazie all'acquisizione dei ricavi e dei margini legati alla base clienti di Blu, Wind migliora ulteriormente la propria redditività operativa e accorcia i tempi verso la piena indipendenza finanziaria. Inoltre, con tale acquisizione, Wind consolida la propria quota di mercato e migliora ulteriormente la qualità della rete radiomobile.

Termini dell'operazione
Le parti hanno concordato un prezzo massimo di circa 105 milioni di euro per la Base Clienti e le Stazioni Radio Base, così suddiviso:
- un massimo di 85 milioni di euro per gli 1,9 milioni di clienti registrati di Blu (di cui circa 700.000 attivi);
- 19 milioni di euro per circa 260 Stazioni Radio Base presenti su tutto il territorio nazionale.
L'assegnazione dei 5 MHz di frequenze GSM 1800 non prevede alcun onere aggiuntivo per Wind.
Altri 55 milioni di euro sono relativi ad una parte dei sistemi informativi e di rete, al call center di Palermo, ai sei negozi e ai diritti esclusivi sul marchio Blu.
Il prezzo definitivo dell'operazione verrà comunque fissato in base agli aggiustamenti finali previsti nel corso delle prossime settimane.
Sulla base del prezzo di 85 milioni di euro per la base clienti, Wind corrisponderà a Blu un prezzo pari a circa 120 euro per cliente attivo, che si compara favorevolmente con l'attuale valutazione di Borsa degli operatori mobili europei (circa 900 euro per cliente).
Se si considera che i 700.000 clienti attivi di Blu generano ad oggi ricavi pari a circa 20 milioni di euro/mese, Wind acquisirà clienti con un ricavo medio (ARPU) pari a circa 28 euro/mese, che si compara favorevolmente con l'attuale ARPU della base clienti di Wind che è di circa 19 euro.
Per agevolare l'integrazione e la gestione dei clienti e delle infrastrutture, a Wind saranno trasferiti anche 540 dipendenti (Fte) di Blu, di cui 340 operanti presso il call center di Palermo.

Impatto sui clienti di Blu
A seguito dell'acquisizione, i clienti di Blu verranno progressivamente trasferiti sulla rete Wind senza alcun inconveniente in termini di continuità del servizio. Il trasferimento sulla rete di Wind permetterà peraltro ai clienti di mantenere il proprio attuale numero di cellulare Blu, nonché il credito residuo della propria carta prepagata. In aggiunta a questo, i clienti Blu beneficeranno di speciali offerte promozionali di benvenuto da parte di Wind.
Le modalità operative per la migrazione saranno concordate nei dettagli con l'Autorità delle Comunicazioni e comunicate nei prossimi giorni con una campagna di informazione a livello nazionale indirizzata ai clienti Blu.

Motivazioni dell'acquisizione
Wind è l'operatore mobile italiano a più elevata crescita, avendo raggiunto una quota del 15% a circa tre anni dal lancio commerciale. Attraverso l'operazione, Wind consolida ulteriormente la propria quota di mercato.
L'acquisizione di una quota rilevante dei ricavi attualmente generati dai clienti Blu aumenterà inoltre - al netto dei costi incrementali legati al ramo d'azienda acquisito - la redditività operativa di Wind, con un impatto positivo sul margine operativo lordo (EBITDA) che è stimabile in circa 65-70 milioni di euro, e cioè nel 50-55% di tali ricavi già a partire dal 2003.
Le 260 Stazioni Radio Base acquisite consentono a Wind di migliorare ulteriormente la qualità della rete radiomobile.
L'acquisizione di una rilevante base clienti mobili, infine, consente a Wind di incrementare ulteriormente il mercato di riferimento per la propria offerta integrata di servizi di telecomunicazioni fisse, mobili e Internet.
La firma del contratto per l'acquisizione dei clienti Blu avviene a pochi giorni dal lancio del servizio di Accesso Diretto (Unbundling del Local Loop), grazie al quale Wind permette agli utenti di telecomunicazioni di liberarsi per la prima volta dalla necessità di pagare un canone telefonico fisso. Wind si conferma ancora una volta come protagonista nel mercato italiano delle telecomunicazioni.

- Forum dedicato a Wind
-
Pagina Wind



Indietro
Home









Pubblicità








Copyright © 1999-2018 CellularItalia - Tutti i diritti riservati